La Meta Serale

Meta serale

"La Meta Serale"

il nuovo quotidiano della sera.
Chi fosse interessato a ricevere gratuitamente il nuovo quotidiano della sera può scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Notizie economia

  • Con il lockdown il salario delle donne è crollato del 50% 

    AGI -  "Le donne e in particolare le madri hanno subito una riduzione salariale rispetto agli uomini/padri (ad aprile 2020 -50% contro il -35%)dovuta soprattutto alla riduzione delle settimane lavorate".

    Lo ha detto in audizione davanti alla Commissione Lavoro della Camera il presidente dell'Inps Pasquale Tridico, a proposito dell'impatto della pandemia. 

    Il presidente dell'Inps Tridico ha, inoltre, spiegato che "il decreto dignità nella fase precedente la pandemia ha stabilizzato oltre 500.000 rapporti di lavoro, rapporti che altrimenti sarebbero scaduti e non avrebbero ottenuto la cassa integrazione". 

    Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza Tridico ha sottolineato che si tratta di una misura che va a colmare un gap socio economico.

    "I percettori per due terzi non hanno una carriera lavorativa, non hanno una contribuzione negli anni precedenti al sussidio. Si tratta di anziani over 60, disabili, minori per circa i due terzi degli oltre 3 milioni di individui che percepiscono il reddito", ha spiegato.

    "Il 64% dei percettori è al Sud, il 22% è al Nord, il 14% è al Centro, si tratta di una misura che va a colmare i gap socio economici. Il Sud assorbe di più perché i divari socio economici rispetto al Nord sono più marcati e non c'è il fenomeno di abuso nel Sud rispetto al Nord", ha aggiunto Tridico.

  • Le ipotesi in campo per le pensioni e il dopo "quota 100"

    AGI - La partita per il post Quota 100 rischia di essere più complicata del previsto. La misura bandiera della Lega, che consente di lasciare il lavoro con almeno 62 anni e 38 di contributi, scadrà a fine anno, e si profila una lunga trattativa in vista della legge di bilancio. Al partito di Matteo Salvini non piace la soluzione indicata dal ministro dell'Economia, Daniele Franco, per ammorbidire il passaggio istantaneo dai 62 ai 67 anni, ovvero lo scalone che penalizzerà quei lavoratori che da gennaio del prossimo anno non potranno accedere a quota 100 e non hanno allo stesso tempo i requisiti per maturare la pensione di vecchiaia prevista dalla riforma Fornero.

    L'ipotesi che si fa strada, all'indomani del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al Documento programmatico di bilancio, è una nuova finestra di flessibilità, ovvero una sorta di 'quota 102', che offre nel 2022 la possibilità di uscita con 64 anni di età e 38 di contributi, e che diventerà quota 104 (66 anni di età e 38 di contributi) nel 2023 per soli 12 mesi prima di rientrare nel regime della riforma Fornero.

    Opzioni e proposte

    Tra le più papabili ci sarebbero anche deroghe a quota 102 e quota 104 per i lavoratori che svolgono attività usuranti. La scelta, quale essa sia, dovrebbe essere accompagnata dall'estensione di due anni e dal rafforzamento dell'Ape social, l'Anticipo pensionistico sociale introdotto nel 2017, destinato ai disoccupati di lungo corso, a chi assiste familiari o persone in estrema difficoltà e a una quindicina di categorie di lavoratori impegnati in attività considerate usuranti.

    La platea dovrebbe essere estesa in linea con le indicazioni della commissione tecnica del ministero del Lavoro incaricata di studiare la gravosità dei lavori che ha consegnato il suo rapporto: l'ampliamento delle categorie dei lavoratori gravosi (fino a che punto estenderla dipenderà dalle risorse a disposizione) e per alcune categorie, a partire dagli edili, con la riduzione del requisito a 30 anni di contributi invece di 36.

    Secondo quanto spiegano fonti sindacali, già il rafforzamento dell'Ape social da solo costerebbe 1 miliardo. E sarebbe questa, al momento, la dote totale per la previdenza che il governo intende spendere in manovra. La Lega fa muro e spera di strappare la proroga di un anno di quota 100, o in alternativa ripropone quota 41, ovvero il pensionamento anticipato al raggiungimento di 41 anni di contributi, compresi quelli figurativi a prescindere dall'età.

    A far comprendere quanto complicato sia il cantiere pensioni sono le numerose proposte presentate dai partiti in Parlamento. La proposta del Pd, a firma Debora Serracchiani e Cantone, chiede di stabilizzare l'Ape sociale e di estenderlo a nuove categorie di lavori gravosi, di rendere permanente

    Opzione donna, di introdurre con una delega la pensione di garanzia per i giovani e di ridurre la soglia di vecchiaia per le lavoratrici madri. Forza italia, invece, punta sulla possibilità di accedere al pensionamento per i lavoratori con almeno 62 anni di età e 35 anni di contributi, a condizione che l'importo del trattamento non sia inferiore a 1,5 volte l'assegno sociale e con una riduzione del 2% per ogni anno di anticipo rispetto al limite dei 66 anni.

    Fratelli d'Italia propone una soglia minima di 62 anni e una massima di 70 anni, con almeno 35 anni di contributi. Molte delle proposte vanno nella direzione di un'uscita flessibile anticipata con ricalcolo contributivo, quindi la possibilità di andare in pensione prima dei 67 anni di età ricalcolando l'intera pensione con il metodo contributivo.

    C'è anche la proposta del presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, che prevede la possibilità di uscita dopo 63 anni maturando solo il trattamento contributivo, con un'operazione in due tappe che consente di incassare subito la parte contributiva e al compiere dei 67 anni il resto. Secondo Tridico questa operazione potrebbe interessare 200.000 persone in tre anni. 

  • In Italia le auto elettriche sono raddoppiate in 9 mesi

    AGI - Le auto elettriche in Italia sono raddoppiate nel giro di 9 mesi, crescendo dalle 99.000 di fine dicembre 2020 alle 200.000 di settembre 2021. Il dato è contenuto nello Smart Mobility Report della School of management del Politecnico di Milano. L'andamento delle immatricolazioni è in crescita esponenziale, soprattutto se rapportata alle performance non brillanti del mercato dell'automotive. Le auto elettriche nel 2020 sono state comprate in particolare al Nord (67%), seguito dal Centro (26%) e dal Sud (7%), con una distribuzione regionale molto eterogenea che rispecchia, tra le altre cose, il diverso grado di diffusione delle infrastrutture di ricarica ad accesso pubblico e degli incentivi locali all'acquisto o all'utilizzo dei veicoli elettrici. Secondo il Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima,ricorda lo studio, dovremmo avere sulle strade nel 2030 6 milioni di veicoli elettrici.

    Considerando anche biciclette (+44% sul 2019), motocicli (+210%) e bus (+49%), i mezzi elettrici immatricolati in Italia nel 2020 sono cresciuti del 61%, e tuttavia rappresentano solo l'1% del parco circolante. "I numeri hanno subìto un'impennata, potremmo immaginare di trovarci a un punto di svolta, ma ancora non basta, poiché uno sviluppo di mercato inerziale, in linea con l'attuale trend di crescita, ci porterebbe al 2030 a disporre di circa 4 milioni di veicoli elettrici, ben al di sotto degli obiettivi del PNIEC - commenta Simone Franzò, Direttore dell'Osservatorio Smart Mobility - un'azione di policy più decisa ci permetterebbe invece di arrivare fino a 8 milioni di auto elettriche sulle strade, con un volume d'affari associato di 245 miliardi di euro. Senza contare un calo di emissioni di CO2 del 42% secondo le nostre simulazioni, che ipotizzano il rispetto delle soglie emissive stabilite dalla Ue e la parziale dismissione dei mezzi più inquinanti".

    La crescita degli ultimi mesi, rileva lo studio, è dovuta a tre fattori principali: il potenziamento degli incentivi all'acquisto (all'ormai consolidato Ecobonus si sono aggiunti i bonus per le immatricolazioni tra agosto e dicembre 2020 e tra gennaio e dicembre 2021, contenuti rispettivamente nel Decreto Rilancio e nella Legge di Bilancio); l'ulteriore incremento dei modelli elettrificati offerti dalle case automobilistiche, che puntano decisamente su questo mercato (a luglio erano 116 i veicoli plug-in, un terzo in più del 2020, di cui 71 PHEV e 45 BEV: dal 2015 sono quasi sestuplicati, con un'accelerazione nell'ultimo triennio, e oggi coprono pur non in modo omogeneo tutti i segmenti e le fasce di prezzo); il potenziamento dell'infrastruttura di ricarica ad accesso pubblico, che a luglio 2021 contava circa 21.500 punti di ricarica (+34% rispetto a un anno prima), in particolare concentrati in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Trentino Alto Adige, Lazio e Veneto.

    "Da qui al 2030 serve un deciso supporto normativo a favore della mobilità sostenibile, che può abilitare un giro d'affari pari almeno a 200 miliardi di euro, includendo l'acquisto dei veicoli e lo sviluppo dell'infrastruttura di ricarica, con potenziali benefici per tutta la filiera - rincara Franzò - sono certamente una buona notizia i 38 miliardi stanziati dal Pnrr (circa il 20% dei fondi disponibili) per promuovere iniziative come la diffusione delle infrastrutture di ricarica, o del biometano e dell'idrogeno nei trasporti, ma Francia, Germania e Spagna, ad esempio, hanno deciso di supportare maggiormente l'acquisto di veicoli elettrici, il cui elevato costo iniziale rispetto alle auto tradizionali rimane in Italia il principale scoglio da superare".

    L'Osservatorio ha infatti condotto la consueta survey su potenziali acquirenti, sempre più partecipata così come l'ampia schiera di aziende partner che concorrono alla ricerca, e ben il 70% dei rispondenti ha ribadito che la spesa iniziale è troppo alta per procedere all'acquisto, dimostrando che il rapido abbattimento della stessa grazie all'annullamento di tante spese legate alla vita dell'auto non riesce a vincere le resistenze. In forte diminuzione, invece, le preoccupazioni legate all'inadeguatezza percepita della rete di ricarica pubblica (21%) e all'autonomia dei veicoli (24%). Per gli attuali possessori di auto elettriche, le principali spinte all'acquisto sono state l'impatto positivo sull'ambiente, la possibilità di installare un punto di ricarica privato e di sostenere costi minori lungo la vita utile dell'auto.

    Fra i trend che stanno ridisegnando il mondo della mobilità troviamo lo sharing, che ha confermato nel 2020 una certa vitalità nel nostro Paese, soprattutto per quanto riguarda scooter (+45%) e monopattini (+665%), mentre auto e bici sono in calo o stazionarie. Si tratta di veicoli in parte (12% delle auto, 30% delle bici) o totalmente (scooter e kick-scooter) elettrificati, circostanza che conferma la sinergia tra elettrificazione e condivisione, con l'unica eccezione delle auto: quelle in sharing in Italia a fine 2020 erano circa 7.300, ma le elettriche, dopo essere cresciute per 4 anni consecutivi, si sono più che dimezzate rispetto al 2019 (12% contro 25%). La flotta di scooter in sharing a fine 2020 contava a 7.360 unità, quella di monopattini elettrici 35.550: nonostante da noi il mercato sia appena nato, si è passati da 11 servizi di kick-scooter sharing in 3 città italiane a 64 servizi in 30.